1 Pagina iniziale > 2 Corona

Johnson & Johnson è impegnata nella lotta contro il coronavirus

Per combattere il coronavirus, Johnson & Johnson, casa madre di Janssen, ha mobilitato risorse specifiche già dal gennaio scorso. Su questa pagina che sarà costantemente aggiornata, sarà nostra cura informarla del tipo di impegno e delle soluzioni che sono in gioco per il contenimento del COVID-19:

Sviluppo di un potenziale candidato vaccino

Johnson & Johnson si sta occupando di sviluppare un candidato vaccino che ci si augura possa essere adottato rapidamente e su larga scala. Collaboriamo con partner internazionali al fine di accelerarne lo sviluppo. Supportati da un ampio sostegno di partenariato, cooperiamo intensamente, tra le altre, con l'Autorità di ricerca e sviluppo di biomedica avanzata (in inglese Biomedical Advanced Research and Development Authority, BARDA) del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.
Fa parte dei nostri partner di cooperazione anche il Beth Israel Deaconess Medical Center.

Alla fine del mese di marzo, Johnson & Johnson ha annunciato di aver identificato un candidato vaccino contro il COVID-19 molto promettente. Prevediamo che il candidato vaccino potrà essere testato sull'uomo in uno studio di Fase 1 al più tardi in settembre 2020. Johnson & Johnson aumenterà le sue capacità di produzione il più velocemente possibile per poter mettere a disposizione oltre un miliardo di dosi di vaccino a livello mondiale. Già all'inizio del 2021 potrebbe essere reso disponibile un vaccino contro il COVID-19 destinato al trattamento nei casi urgenti. Se messo a confronto con la durata normale del processo di sviluppo di un vaccino, questa si delinea con un orizzonte temporale estremamente ridotto. Insieme con BARDA, Johnson & Johnson sta investendo oltre un miliardo di dollari nello sviluppo del vaccino e negli studi clinici.

Vaccino con partecipazione svizzera

La Janssen Vaccines di Berna, parte della Janssen Pharmaceutical Companies of Johnson & Johnson, è altrettanto coinvolta nelle attività COVID-19 di Johnson & Johnson. Il centro di competenza per vaccini antivirali e antibatterici e per le terapie avanzate sta attualmente preparando l'infialamento sterile della formulazione definitiva del vaccino contro il COVID-19 per lo studio di Fase 1. Nello stesso centro di Bern-Bümpliz e sulla stessa piattaforma di produzione, è stato prodotto negli ultimi anni il vaccino contro l'ebola.

Verifica di una banca dati con la disponibilità di terapie antivirali

Si tratta di verificare la possibilità dell'impiego di medicamenti già sperimentati per trattare pazienti infetti da coronavirus. Lo screening delle caratteristiche potenzialmente antivirali è frutto della collaborazione con l'istituto Rega per la ricerca medica (KU Leuven) in Belgio, dove Johnson & Johnson fa leva sull'infrastruttura dell'istituto e sulle sue ampie esperienze sul campo nello screening, nonché sulle capacità di esame di specifici agenti patogeni. Queste risorse vengono sinergicamente combinate con quelle dello sviluppo farmacologico e delle competenze antivirali proprie di Johnson & Johnson.

Collaborazione con enti regolatori, organizzazioni sanitarie e associazioni a livello mondiale

I team di Ricerca & Sviluppo di Johnson & Johnson sono in stretta collaborazione con partner in tutto il mondo. In questo modo, possiamo sfruttare al massimo le informazioni scientifiche disponibili insieme alle nostre competenze nell'ambito dello sviluppo e del trattamento delle malattie infettive.

Fornitura e acquisti di medicamenti

Disponiamo di completi piani di azione per affrontare eventi imprevisti e far fronte alle esigenze di pazienti, clienti e consumatori che dipendano dal nostro farmaco. Queste misure includono, tra l'altro, lo stoccaggio dei nostri medicamenti in grandi centri di distribuzione esterne alle zone ad alto rischio. Collaboriamo inoltre con fornitori esterni che sostengono il nostro piano di preparazione per le emergenze. Al momento disponiamo di uno stock sufficiente di medicamenti urgenti e siamo fortemente impegnati a contenere quanto più le ripercussioni negative per i pazienti, i clienti e i consumatori.

Sostegno per i nostri collaboratori

Tutti i collaboratori Johnson & Johnson, a eccezione del personale impiegato nella produzione e in loco nel rispetto dei più alti livelli di sicurezza, continueranno a lavorare da casa, fino a nuovo avviso. I collaboratori vengono costantemente tenuti informati sulle raccomandazioni e novità più importanti. Johnson & Johnson, inoltre, ha introdotto una molteplicità di misure e iniziative per facilitare i propri collaboratori nell'ambientamento al posto di lavoro digitale. Sono inoltre destinatari di un'ampia offerta di formazione, sport e benessere accessibile su diverse piattaforme digitali.

Johnson & Johnson e le malattie infettive

In qualità di azienda leader nella lotta mondiale contro le malattie infettive, Johnson & Johnson si impegna da molto tempo nella lotta alle epidemie esistenti ed emergenti. Grazie allo sviluppo di nuovi vaccini e alla possibilità di trattamento, siamo in grado di affrontare una vasta gamma di malattie infettive, come ad esempio l'HIV e la tubercolosi che hanno già raggiunto il livello di pandemia o che dispongono del potenziale per raggiungerlo (ebola, Zika e influenza).
Siamo attivamente impegnati nel mettere in moto una reazione ad ampio raggio contro le epidemie e lavoriamo a livello mondiale con gli enti regolatori, le organizzazioni sanitarie e le strutture delle comunità. Siamo pertanto impegnati a garantire che le nostre piattaforme di ricerca, le conoscenze scientifiche disponibili e le nostre competenze possano essere sfruttate al meglio anche nella specifica lotta contro il coronavirus.

La responsabilità sociale: il sostegno alla Croce Rossa Svizzera

In tempi di crisi, le organizzazioni locali forniscono un sostegno cruciale a favore delle comunità locali in Svizzera. Una di queste organizzazioni è la Croce Rossa Svizzera (CRS), un partner di lunga data per Johnson & Johnson Family of Companies nella Confederazione. L'organizzazione sta espandendo i programmi e le iniziative locali in tutta la Svizzera per essere di aiuto, in tempi così difficili, alle persone più vulnerabili e isolate. Tra i suoi programmi si annovera il servizio di consegna spesa a domicilio, il servizio trasporti e il sostegno negli ospedali.

Johnson & Johnson appoggia in Svizzera la CRS e i suoi programmi specifici COVID-19 a livello locale, con un contributo di 500'000 CHF di donazione.